I Pueri Cantores

Sono la sezione di voci bianche (soprani e contralti) della Cappella Musicale Pontificia. Sono la parte più preziosa in relazione alla pertinenza estetica della musica rinascimentale ed allo stesso tempo delicata, perché vanno seguiti non solo per quanto riguarda la preparazione musicale, ma anche educativa e culturale.

L’origine dei Pueri Cantores risale al VI secolo, quando Papa Gregorio Magno costituì una scuola di fanciulli cantori che affiancassero i cantori adulti nelle Celebrazioni Papali.
In tempi più recenti Lorenzo Perosi, nominato Maestro Direttore della Cappella nel 1898, introdusse dei ragazzi cantori provenienti da altri cori romani da utilizzare all’occorrenza.
Solo nel 1956, sotto la direzione di Domenico Bartolucci, i Pueri Cantores della Cappella Sistina vengono istituiti ufficialmente nella loro attuale configurazione.
I ragazzi frequentano una scuola paritaria cattolica legalmente riconosciuta dallo stato Italiano, la Schola Puerorum della Cappella Sistina, in cui all’istruzione scolastica si affiancano lezioni di teoria musicale, solfeggio, tecnica vocale e pianoforte.
Ogni anno i Maestri dei Pueri Cantores selezionano nelle scuole elementari e nelle parrocchie del territorio romano le voci adatte a costituire quella che sarà la classe preparatoria. Conclusa la fase preparatoria i Pueri Cantores idonei entrano a titolo definitivo nel Coro della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”.
Le giovani voci sono preaparate dal Maestro Mons. Marcos Pavan, coadiuvato dal Maestro Michele Marinelli.

Audizioni Pueri Cantores